IL 20% DELLA FORZA LAVORO DELL’INTERO COMPARTO

Riportiamo di seguito il testo del primo comunicato della neoeletta RSU USB del comprensorio di Malpensa Bergamo e Brescia:

Malpensa 27 febbraio 2017

Carissimi,

si sono appena concluse le elezioni delle RSU per il comprensorio Malpensa Bergamo Brescia con un risultato importante, a dispetto delle uniche due candidature per i due soli posti da assegnare.

Due candidati per due posti può far sorridere le menti semplici, ma la realtà non è così divertente ed il fatto che nessuna altra lista, ad eccezione delle due che si erano proposte in assemblea, si sia candidata alle elezioni è già un primo significativo e sintomatico indizio di come stanno andando le cose, perché vengono azzerate le “distrazioni” sindacali nel nostro comprensorio ed ogni altra possibile questione o polemica sterile rispetto a titolarità, rappresentatività ed ingerenza di organi sindacali “esterni” a noi, a prescindere dal settore merceologico in cui operano, descrivendo con precisione la reale volontà dei lavoratori.

Era certo fin dal principio che le posizioni delle due candidature del comprensorio non fossero così distanti tra loro e la schiacciante preponderanza della lista USB, cui appartengo ed ottenuta giustamente anche per appartenenza territoriale dei candidati, ha un solo significato: proseguire insieme la strada che abbiamo intrapreso in tutte le sedi istituzionali di richiesta INTERNALIZZAZIONE del personale Techno Sky in ENAV, che è essa stessa parificazione, ma con in più la certezza di risparmio per lo stato e FUTURO e STABILITÀ per i lavoratori, che non possono essere date da armonizzazioni o integrativi al di fuori di ENAV.

Se lotteremo, quindi, sarà per quel FUTURO che gli attuali estensori del CCNL Trasporti vogliono negarci e che invece ci è dovuta in quanto apparteniamo di diritto al settore ATM e del quale rappresentiamo ben il 20% dell’intera forza lavoro. L’ingresso in un contratto che ci vuole relegare al ruolo secondario e metalmeccanico di “Servizi Complementari” con la copertina dei Trasporti ci va stretto, Techno Sky fornisce i servizi ATM di Comunicazione, Navigazione e Sorveglianza, previsti dalla licenza di Service Provider, in solido con ENAV e deve essere inglobata in ENAV, anche se la normativa economica sugli appalti lo consente.

Un nuovo CCNL senza appartenere ad ENAV sarebbe una ennesima distrazione che potrebbe forse aumentare di poco i salari Techno Sky per poi mandare a gara il servizio in un paio di anni creando precarietà e senza nemmeno una “clausola di salvaguardia”, per la quale in caso di appalto il personale in esubero Techno Sky venga assorbito in ENAV.

In questo modo saremo sempre alla mercé del primo venuto che voglia ridurre i costi del servizio anche a discapito di qualità e sicurezza dello stesso, il resto sono chiacchiere inutili.

La proposta di USB è quindi di lavorare insieme per il conseguimento della soluzione migliore per tutti, non esiste un primo della classe, esistono soggetti in grado di concorrere allo stesso fine, ma solo se saranno uniti.

Al più presto sarà nominato un Coordinatore Nazionale USB tra i rappresentanti Techno Sky che avrà il compito di interfacciarsi sia con Techno Sky che con ENAV a nome del sindacato e dei lavoratori, data l’appartenenza sindacale a pieno titolo di USB con entrambe le realtà merceologiche. Il 20% della forza lavoro dell’intero settore ATM italiano non può essere ignorata, INTERNALIZZAZIONE in ENAV e partecipazione al rinnovo del CCNL ATM sono le priorità che realizzeremo grazie a tutti quelli che ci hanno sostenuto fin qui ed a quelli che si vorranno unire in questo progetto unitario.

Iscrivetevi ad USB ed eleggete RSU che possano portare questa voce e questo messaggio in tutte le istanze ed a tutti i livelli possibili insieme a noi.

Lo abbiamo già fatto, continueremo a farlo.

“Cuando usted sabrá que yo estoy muerto de sílabas extrañas, pronuncia flor, la abeja, la lágrima, el pan, la tormenta. Quién lucha los pueden perder, quién no lucha el ya ha perdido. Cuando yo estoy muerto, ninguno venga a llorar, nunca estaré bajo la tierra, yo soy viento de libertad”

QUELLI CHE LOTTANO POSSONO PERDERE, CHI NON LOTTA HA GIÀ PERSO.

Grazie a tutti, a Malpensa e Bergamo, ma anche nel resto d’Italia, questa elezione non era scontata e non è stata la fine di un percorso, ma il primo piccolissimo passo di una lunga marcia che voglio fare con tutti voi, VINCEREMO UNITI.

Pierluigi

Scarica qui l’originale

Stampa