LETTERA APERTA A FIM FIOM UILM FISMIC NAZIONALI

Carissimi,

vi ho scritto il 9 marzo u.s. a seguito della elezione di tre RSU USB e della mia successiva nomina a Coordinatore Nazionale USB in Techno Sky per rendervi edotti che, a seguito di ciò ed a norma dell’articolo 3, punto A.2, secondo paragrafo del CCIA Techno Sky, queste erano entrate legittimamente a far parte del “Coordinamento Nazionale dell’insieme delle RSU Techno Sky” e che a seguito della formale firma ed accettazione del citato CCIA, avvenuta il 1 marzo 2017, contestualmente la composizione dell’Esecutivo del Coordinamento risultava variata con il previsto principio di proporzionalità.

Purtroppo non ho potuto ancora registrare alcuna risposta da parte vostra e poiché è possibile che gli indirizzi utilizzati non vi abbiano raggiunto, vi scrivo ancora in modo pubblico nella speranza che, eventualmente, qualcuno possa recapitarvi il mio messaggio e poter instaurare un rapporto sereno tra noi.

Che l’azienda cerchi di ostacolare il nostro arrivo e la nostra crescita è ovvio e ragionevole, dato che si tratta di una controparte, ma che un sindacato dei lavoratori pensi di escludere la legittima e democratica voce dei colleghi dalle discussioni che li riguardano è a dir poco assurdo, rendendo necessaria l’instaurazione di un civile confronto tra di noi nel tentativo di raggiungere, attraverso una corretta pluralità di opinioni, una eventuale unitarietà di intenti, nell’esclusivo interesse dei lavoratori.

È nostra opinione che il passaggio di settore debba essere perfezionato al più presto ed è anche nostra opinione che l’applicazione contrattuale debba avvenire con il più ampio consenso tra i lavoratori e, infine, è nostra opinione che l’attuazione delle norme debba essere discussa in un contesto generale dove tutti i pareri ed i punti di vista possano essere significativamente espressi, rendendo quindi indispensabile che anche la nostra realtà USB, che ha già raggiunto una più che significativa rappresentatività in Techno Sky, faccia parte delle delegazioni che discutono con la DA e quindi dell’Esecutivo del Coordinamento.

Mi aspetto quindi un benevolo accoglimento del nostro pensiero come ricchezza dalla parte dei lavoratori, anche in virtù dell’interesse comune nella corretta applicazione contrattuale, che non può essere interpretata a seconda di convenienze aziendali o di struttura e contro l’interesse dei lavoratori, così come nessuno ha mai lealmente in precedenza, e per lungo tempo, pensato di escludere dalle trattative associazioni sindacali che non avevano firmato i CCNL, è quindi impensabile che oggi, in modo sleale e contro l’interesse dei lavoratori, qualcuno differente dall’azienda possa pensare di farlo con noi.

Mi aspetto quindi di essere presto contattato da tutti voi e di poterci presto sentire e vedere per un democratico e costruttivo rapporto di utile collaborazione nell’unico interesse dei nostri assistiti e tutelati.

Fraterni saluti.

Il Coordinatore Nazionale USB Techno Sky

Pierluigi Ferdinando Pennati

lì, 28 marzo 2017

Stampa