USB VOLA AL TAVOLO DEL GOVERNO

Stampa

FATTI E NON PAROLE

Mentre i metalmeccanici sono impegnati nelle loro giustissime lotte, USB LP, di cui facciamo parte integrante, è stata invitata ufficialmente al tavolo del Governo che si sta occupando della riforma dell’intero settore del trasporto aereo e noi saremo fisicamente presenti con un nostro uomo in rappresentanza del comparto ATM.

La nuova “Struttura Tecnica di Missione”, nominata dal Ministero dei Trasporti per l’indirizzo strategico, lo sviluppo delle infrastrutture ed il supporto alle funzioni di Alta Sorveglianza del Trasporto Aereo, ha invitato USB, ad essere presente al tavolo delle riforme istituzionali unitamente ed al pari degli altri sindacati nazionali rappresentativi del settore.

La ragione della scelta è stata la grande rappresentatività di USB nel comparto aereo che ha costretto il ministero a non poterci escludere da un tavolo così importante e noi, nel corso di una riunione che si è tenuta ieri a Roma, abbiamo nominato Nello Balzano ad essere fisicamente presente per USB TA settore ATM.

Con questo atto i rappresentanti ed i sostenitori USB Techno Sky diventano attori di una riforma del trasporto aereo e del suo CCNL che si annuncia epocale al pari dei nazionali CGIL, CISL, UIL e UGL che ci hanno fino ad ora sempre tenuti lontani dal mondo ENAV ed ora dovranno discutere anche con noi.

ATTORI PROTAGONISTI E NON SOLO COMPARSE

L’armonizzazione tanto decantata è solo sottesa a questa grande riforma, noi parleremo direttamente con il ministero e ci confronteremo direttamente con chi il CCNL TA ATM lo ha scritto, potendone negoziare direttamente i contenuti per modificarli secondo i nostri interessi.

Grazie a chi ci ha sempre sostenuto ed ha creduto in noi, USB TA ATM e Techno Sky diventano gli attori principali seduti ai tavoli del governo, in un progetto da sempre ambizioso ma mai folle, mentre folle era pensare di poter cambiare qualcosa restando confinati in un piccolo ed insignificante contenitore voluto da ENAV solo per Techno Sky e sotto il controllo dei suoi sindacati ENAV Trasporti, che adesso dovranno vedersela direttamente anche con noi.

RICONOSCIUTI DA CHI CONTA VERAMENTE

Techno Sky non ci riconosce?

La risposta la potevate già immaginare, confermiamo.

Nei prossimi giorni inizieremo i confronti con i nostri iscritti e solo con loro, chi ha fatto, e continua a fare, scelte differenti dalle nostre non potrà che essere mero spettatore della nostra azione, mentre chi ha atteso fino ad ora il momento propizio per uscire allo scoperto sa che è in tempo a far crescere USB in tutte le sedi aziendali, il voto ed il giudizio popolare dei lavoratori è importante, ma resterà solo all’interno dei nostri confini: siamo stati abbandonati dagli altri sindacati al nostro destino ed ora è giusto che restino fuori o si conquistino il loro spazio senza di noi.

Pensavano di escluderci e sono rimasti al palo.

Il tavolo aperto dal Governo si occuperà di riformare ENAC, ENAV, Alitalia, il Polo Manutentivo, Handling, Catering, Gestori Aeroportuali ed il relativo CCNL di settore, in una riforma complessiva che prevede la ri-nazionalizzazione di alcune aziende e comunque il controllo di quelle per le quali l’operazione non potrà essere realizzata in tempi stretti, come ENAV per la quale, all’interno di un generale riassetto dell’ente, finalizzeremo l’internalizzazione di Techno Sky.

LA LOTTA PROSEGUE CON L’IMPEGNO DI SEMPRE

Non abbiamo ancora vinto e non cantiamo ancora vittoria, ma abbiamo fatto il passo decisivo e questo è solo l’inizio, abbiamo lavorato bene, anzi, benissimo, ed i fatti ci stanno dando sempre più ragione: oggi siamo seduti all’unico tavolo che conta veramente e siamo in stretto contatto diretto come USB Techno Sky con la Commissione Trasporti della Camera, con la quale, invece, i rapporti saranno tenuti e coordinati da Pierluigi Pennati, quale Coordinatore Nazionale USB TA ATM e Techno Sky, per programmare interventi in Parlamento e presso il Ministero dell’Economia e Finanza.

Un grazie particolare a tutti quelli che hanno permesso tutto ciò, iniziando dall’onorevole Luca Pastorino, che ci è stato e ci sta ancora vicino in questa nostra campagna per la dignità dei lavoratori e la realizzazione della massima sicurezza del sistema del controllo del traffico aereo ed a tutto il gruppo dei 5 Stelle che  con umiltà e vicinanza ci stanno ascoltando ed assistendo.

La scusa di non essere presenti ai tavoli non regge più, noi ai tavoli che contano ci siamo, i metalmeccanici no.